Logo di Utifar
Editoriale
01 ottobre 2007
di Eugenio Leopardi
Rif. rivista Ottobre - 2007
Rigidità o elasticità?

La nota massima latina "Tempora mutantur, nos et mutamur in illis" (cambiano i tempi e anche noi cambiamo con essi) non si addice ai farmacisti italiani o, meglio, ad una parte di essi. Non tutti, infatti, hanno compreso la vera natura della globalizzazione che ruota attorno ad un libero mercato (free market) in una competizione internazionale di produzione ed erogazione di beni e servizi.
Anche per noi è arrivato il momento di guardare al futuro e abbandonare ogni logica misoneista e veterocorporativa. Raccogliere la sfida imposta dall'economia globale non significa rinunciare alla nostra identità ma, viceversa, riaffermarne la peculiarità alla luce delle nuove istanze sociali.
Non dimentichiamo che l'esercizio farmaceutico italiano è integrato con il sistema sanitario nazionale grazie al Welfare State ed all'articolo 32 della Costituzione (la Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell'individuo e interesse della collettività). Una ragione in più, quindi, per venire incontro alle esigenze dei cittadini senza contrastare pregiudizialmente (e incautamente) alcune piccole istanze di liberalizzazione come, ad esempio, quella degli orari. Su tale questione è già intervenuta l'Autorità garante della concorrenza e del mercato che, per la quarta volta, ha evidenziato la necessità di una maggiore elasticità degli orari, turni minimi e ferie attraverso l'adozione di strategie differenziate a seconda delle caratteristiche della domanda nell'ambito territoriale di ubicazione delle singole farmacie e, quindi, all'ampliamento dell'offerta a beneficio dei consumatori. Tale proposta, ovviamente, non fa una grinza sotto il profilo del pubblico interesse. Specie nelle città, nelle stazioni di cura e soggiorno, in presenza di flussi turistici che aumentano di anno in anno, le farmacie devono adeguarsi alle nuove esigenze della società e non essere più vincolate a leggi restrittive e anacronistiche. Ma vi è di più. La liberalizzazione degli orari non va solo incontro all'evoluzione dei consumi e dei bisogni degli utenti, ma favorisce una conduzione più razionale e manageriale dell'azienda farmacia. La maggiore flessibilità oraria, oltre a soddisfare i desiderata degli utenti, assicura un maggior lavoro e un'adeguata remunerazione. I recenti mutamenti legislativi (art. 5, Legge 248/06) hanno introdotto nel nostro Paese la vendita dei farmaci senza obbligo di prescrizione (SOP) fuori canale, cioè nei supermercati purchè dotati di appositi locali e sotto la responsabilità di colleghi regolarmente iscritti all'Ordine. I nuovi esercizi commerciali, autorizzati dalla summenzionata legge, non sono soggetti a rigide regolamentazioni di orari, turni e ferie. A differenza di quanto accade per le farmacie, essi garantiscono un'attività senza il limite di ore massime per l'apertura giornaliera e settimanale soggiacendo solo alle necessità del mercato.
Inoltre, occorre tener presente che gli studi medici hanno ultimamente adottato, in diverse regioni, l' H-12 e H-24, vale a dire l'apertura di studi professionali associati, aperti al pubblico, per 12 ore o, addirittura per 24 ore . In questo nuovo scenario di concorrenzialità e di incremento del servizio, com'è possibile rimanere arroccati su vecchie posizioni? Come non percepire i ritmi di un cambiamento che vede la liberalizzazione degli orari adottata nella quasi totalità delle farmacie europee? Ignorare tutto ciò non è solo inutile, ma nocivo per l'intera categoria. Naturalmente la materia va concordata tra i rappresentanti della categoria e le Istituzioni onde evitare provvedimenti legislativi che stravolgano la razionale applicazione del servizio. La gente, ormai, viaggia in Europa e nel mondo valutando comparativamente prestazioni, qualità e costi. Non deludiamola. Cerchiamo, invece, di cogliere con lucidità le nuove opportunità che i cambiamenti sociali, culturali ed economici ci offrono, per potenziare il ruolo, la continuità e la sicurezza della nostra vita professionale.

voden vxell 2
medybox
aboca interno
Registrati alla nostra Newsletter
Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere le ultime novità e aggiornamenti dal nostro team.

Quanto sono chiare le informazioni su questa pagina?

Valuta da 1 a 5 stelle la pagina

Grazie, il tuo parere ci aiuterà a migliorare il servizio!

Quali sono stati gli aspetti che hai preferito?1/2

Dove hai incontrato le maggiori difficoltà?1/2

Vuoi aggiungere altri dettagli?2/2

Inserire massimo 200 caratteri